in

Asia Argento perde il posto ad X Factor

Da accusatrice ad accusata: lo scandalo con Jimmy Bennett

CANNES, FRANCE - MAY 22: Director Asia Argento attends the "Misunderstood" photocall at the 67th Annual Cannes Film Festival on May 22, 2014 in Cannes, France. (Photo by Neilson Barnard/Getty Images)

Non c’è pace per Asia Argento.

Alle soglie dell’estate l’attrice che avremmo dovuto vedere nella nuova edizione di X Factor Italia, perde il posto. Sky ha deciso per la sua non partecipazione proprio a seguito della notizia uscita sul New York Times, di presunte molestie a un attore diciassettenne all’epoca dei fatti.

A inizi estate l’Argento ha tragicamente perso il suo compagno, lo chef stellato Anthony Bourdain, trovato impiccato in una stanza d’albergo. Sui social si erano scatenati commenti irrispettosi e ingiurie da parte di quanti la ritenevano colpevole di aver istigato il partner al suicidio, dopo alcune foto che immortalavano l’Argento in compagnia del giornalista francese Hugo Clément.

Adesso l’altra grave accusa, molto più pesante: violenza sessuale su minore.

Una terribile imputazione, ancor più visto che Asia è diventata, lo scorso autunno, uno dei simboli della battaglia anti-sessita #MeToo, dopo aver denunciato uno stupro che avrebbe subito dall’ex produttore Harvey Weinstein nel 1997.

SCANDALO A LUCI ROSSE

In base alle rivelazioni del New York Times, un mese dopo l’esplosione dello scandalo a luci rosse che ha infiammato Hollywood e ha visto, in prima fila, la stessa Argento, quest’ultima avrebbe ricevuto un avviso di azione legale da parte di Jimmy Bennett.

Costui – un tempo baby-attore, oggi musicista rock – ha dichiarato di essere stato aggredito sessualmente dalla Argento nel 2013, in California.

Nel 2004, da bambino, Bennett aveva recitato in un film diretto e interpretato da Asia, Ingannevole è il cuore più di ogni altra cosa, dove lui faceva il figlio di lei. “Mamma” e “figlio” sono i termini che loro due hanno usato spesso, a distanza di tempo, per salutarsi affettuosamente via social network.

Nei documenti in mano al New York Times, Benett parlerebbe di un incontro tra lui e l’Argento, avvenuto nel maggio 2013, in un hotel californiano. L’attrice avrebbe offerto dell’alcol al ragazzo e gli avrebbe fatto delle esplicite avances, sfociate in alcuni rapporti intimi.

All’epoca il giovane aveva 17 anni e la Argento 37. Nello stato della California, l’età del consenso, per i rapporti sessuali, è di 18 anni.

Nei mesi scorsi i due si sarebbero accordati per un maxi-risarcimento per una vicenda che, a detta dell’accusatore, lo avrebbe traumatizzato, influendo negativamente sul prosieguo della sua carriera. Come risulterebbe dalle carte in possesso del New York Times, Bennett avrebbe chiesto una somma di 3,5 milioni di dollari (3 milioni di euro circa). L’attrice italiana avrebbe accettato di versare 380 mila dollari nell’arco di un anno e mezzo, con un primo pagamento di 200 mila dollari effettuato ad aprile.

Come parte dell’accordo, Bennett avrebbe ceduto ad Asia Argento alcuni selfie che i due si sarebbero scattati insieme, seminudi. Su Instagram l’artista italiana, negli stessi giorni del 2013, aveva pubblicato una foto che la ritraeva insieme a Bennett: uno scatto innocuo, in cui si vedevano solo i volti dei due.

WEINSTEIN: COLPO DI SCENA

I reporter americani avrebbero provatoa contattare a più riprese la Argento e i suoi legali, senza però ricevere risposta. Anche Bennett non ha accettato di essere intervistato.

Dopo i retroscena svelati dal New York Times, si è abbattuta l’ennesima bufera sull’attrice. Intanto, in America, va avanti il processo all’ex produttore Harvey Weinstein, contro cui hanno puntato il dito molte attrici, tra cuila stessa Asia, per violenza sessuale. Colpo di scena: di recente il difensore di Weinstein ha mostrato alcuni messaggi inviati al suo assistito da parte della sua principale accusatrice.

La donna, rimasta anonima negli atti processuali, aveva dichiarato di essere stata stuprata da Weinstein nel marzo 2013. Ma, successivamente a quell’episodio, avrebbe continuato a scrivere al produttore, mandandogli sms come: «Mi manchi, omone mio», «Spero di vederti appena possibile», «Apprezzo tutto quello che fai per me», «Ti amo sempre, solo mi dispiace essere una semplice distrazione occasionale».

Il mondo di Hollywood continua a essere avvolto da tinte sempre più fosche e scabrose..

michelle hunziker tomaso trussardi

Michelle Hunziker: Tomaso, ho detto no a Baglioni per te..

charlie hebdo

La vignetta di Charlie Hebdo sul ponte Morandi